Non hanno capito

19 settembre 2007

Non hanno capito. E’ ovvio da quello che si vede e si legge su giornali, televisione, internet: non hanno capito. Il soggetto manca volutamente nella frase visto che nessuno si riconosce come appartenente alla Casta. Parlatene con un sindaco o con un assessore: vi diranno che loro non fanno parte della Casta. Parlatente con un consigliere regionale o con uno scaldapoltrone di uno dei tanti enti inutili (via, siamo buoni, chiamiamoli “poco utili”): vi diranno che loro non fanno parte della Casta.

La Casta non esiste. Almeno dal loro punto di vista.

Ma il punto, mi si permetta, è un altro: è che semplicemente non hanno capito che “al di là di loro”, “oltre a loro” esistiamo noi e, sopratutto, esiste un modo diverso di vedere la cosa pubblica.

Ogni sistema è tutto sommato autoreferenziale. Un gruppo di amici, un associazione, un partito, una Casta. Ci si conosce, ci si da un peso ed un valore. Credo che sia naturale. L’errore non è in questo. L’errore è pensare che esista “solo” questo. E loro non hanno capito che stanno facendo questo errore.

“Loro” la chiamano “antipolitica”. E si noti. Non è solo perché la vogliono derubricare a fenomeno – sperabilmente transitorio – nel “loro” panorama. La chiamano così perché non hanno capito.

Troppo impegnati a scannarsi come squali in un Oceano Rosso – “l’Oceano Rosso della politica” potrebbe essere un buon titolo per un futuro post – non si sono accorti che “altrove” c’è un Oceano Blu, libero, aperto, ma soprattutto facilmente conquistabile.

E la cosa buffa è che i pochi che se ne sono accorti, non hanno i mezzi per conquistare quell’oceano. E guardano la marea che sale (300.000 persone hanno firmato: 300.000 mila, in un giorno, ti credo che gli venga la scacarella) c’è chi prepara il surf per cavalcare l’onda, chi guarda chiedendosi: “che è sta roba?”, chi dice: “sono come noi”.

No. Non è così. E’ indiscutibilmente “altro”. A partire dalle regole e mezzi di relazione fra “massa” e “leader”, regole che non mi sogno nemmeno di andare a spiegare a “loro”. Tanto chi legge qui, sa già benissimo di cosa sto parlando.

Ultima cosa: se hanno raccolto 300.000 firme c’erano 300.000 persone. Ma quante ce ne sarebbero ora a firmare? Non occorre essere fini studiosi di statistica o sociologia. Pigliate un numero da 5 a 10 e moltiplicate. Ovvero ballano dalle 1.500.000 a 3.000.000 firme. Cambiate la parola “firme” con “voti”… Direi che siamo più che sufficienti per spazzare via “i miasmi di questa imputridita palude che ormai è la Seconda Repubblica” [Giovanni Sartori, “La terra trema sotto la casta” prima pagina del Corriere di oggi].

E’ un Oceano Blu. E loro sono in un Oceano Rosso. Approfittiamone 😉

———-

Noticilla politicamente scorretta: Se qualche pirla pensa che “Oceano Blu” e “Oceano Rosso” siano locuzioni legate al colore di un qualche bandiera o qualche partito, vada davanti ad uno specchio e si dia quattro bei ceffoni. E’ infatti un buon candidato ad appartenere alla Casta. Il vero significato di questa locuzione è un altro. Per i pigri e/o coloro che non sanno usare Google ecco un link dove iniziare a capire: http://admaiora.blogs.com/maurolupi/2005/11/strategia_ocean.html

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: